Stemma Varese

Logo Vita e ComunitàLogo-Fondazione-Orizzontale

Alle Radici dell’Umano – Riedificare le fondamenta della Vita: Emozioni e Affettività”

Per-corsi settimanali di Biodanza aperti alla Cittadinanza

a sostegno del Benessere, delle relazioni e della qualità della vita.

La terza edizione del progetto “Alle radici dell’Umano” patrocinato dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto e dal Comune di Varese è finalizzata a ristabilire le “basi portanti” della salute e della pienezza vitale, nonché quelle afferenti la sfera relazionale e la qualità della vita, attraverso la promozione del Sistema Biodanza presso i comuni di Varese e Saronno.

L’intento del progetto “Alle radici dell’Umano” è infatti quello di promuovere il benessere dell’individuo ristabilendo le funzioni di connessione arcaica con la vita di base emotiva e affettiva, orientate all’armonica funzionalità organica e psichica.

Nel contesto frenetico nel quale viviamo, questo Sistema di integrazione umana, che affonda le sue radici nelle scienze biologiche, fisiologiche, psicologiche e convalidato dalla ricerca neuroscientifica, rappresenta un prezioso strumento in grado di promuovere e tutelare le condizioni del benessere,  accrescere le facoltà relazionali e i potenziali genetici  afferenti la sfera emotiva, affettiva, cognitiva, creativa ed esistenziale.

I presupposti delle attuali forme del disagio, alimentati da istanze spesso in contraddizione con le esigenze umane più autentiche – individualismo, antagonismo, efficientismo solo per citarne alcune – si innestano nella dimensione affettiva ed emotiva dell’individuo, condizionandone i processi di sviluppo. La medicina psicosomatica ha da tempo rilevato come la maggior parte dei malesseri (esistenziali, psichici e organici) abbiano in comune la stessa origine emozionale.

La pratica di Biodanza permette gradualmente di accedere a uno stato di armoniosa pienezza in tutti gli ambiti della nostra vita:

  • Migliorare l’autostima, le proprie risorse e la capacità di gestire le proprie emozioni

  • Ridurre i fattori di stress, stimolare l’omeostasi e le funzionalità organiche

  • Vivere buone relazioni con gli altri, con reciprocità e affettività

  • Vivere con pienezza ed entusiasmo, ricontattando il piacere di sentirsi vivi

 Calendario e sede dei corsi:

VARESE

Tutti i lunedì dalle 20,45 alle 23,00 a Varese  – Palestra Scuola Primaria Cairoli, via Cairoli, 19

SARONNO

Tutti i giovedì dalle 21,15 alle 23,15 –  Casa del Partigiano  via Maestri del Lavoro, 2

 

IL SISTEMA BIODANZA

Rolando Toro Araneda amava definire la Biodanza “una poetica dell’incontro umano” ma riteneva essenziale definirla anche da un punto di vista accademico:

“Biodanza è un sistema di integrazione umana, di rinnovamento organico, di rieducazione affettiva, di riapprendimento delle funzioni originarie della vita e di accelerazione dei processi integrativi in ambiente arricchito. Lo sviluppo delle potenzialità genetiche umane in un contesto di gruppo affettivamente integrato stimola il coraggio e la gioia di vivere”.

In Biodanza il processo di integrazione si produce mediante la stimolazione delle funzioni primarie di connessione con gli impulsi biologici, stimolando l’omeostasi e i processi di rinnovamento organico.

Grazie alla sinergia tra musica, movimento e situazioni di incontro viene suscitata quella che il Prof. Rolando Toro, ha definito vivencia, un’esperienza di grande intensità vissuta nel qui e ora che coinvolge l’unità della persona in tutte le sue dimensioni psichiche e corporee (funzioni cenestesiche, viscerali ed emozionali) favorendone l’integrazione mediante l’attivazione dei potenziali genetici funzionali alla vita e alla salute dell’essere umano.

La vivencia si pone come un’autentica gestalt in cui poter dare espressione alle nostre potenzialità innate ma che spesso non trovano le condizioni idonee al loro pieno sviluppo.

La Biodanza stimola il nostro emisfero cerebrale destro, sede delle funzioni più inconsce, emotive e creative (sempre più penalizzate da una cultura che predilige le funzioni analitiche e razionali) ravviva e riequilibra gli istinti vitali favorendo il naturale ripristino dello stato di benessere e vitalità. Studi accademici hanno messo in evidenza come questa tecnica agisca sul sistema psico-neuro-endocrino-immunologico (Pnei) ripristinando gradualmente i meccanismi di autoregolazione, alla base di molti disturbi psicosomatici.

La Biodanza non si ispira a nessun sistema ideologico o religioso. Si basa sull’osservazione fenomenologica, la descrizione e la sperimentazione.

Il Sistema Biodanza è stato creato a partire dagli anni ’50 da Rolando Toro, psicologo e antropologo cileno, in seguito alle ricerche sugli effetti congiunti della musica e del movimento sul benessere degli individui. A differenza di altre discipline, la Biodanza si sviluppa nell’ambito della cultura e della scienza occidentali, sulla base di un modello teorico radicato nelle conoscenze sviluppate dalla psicologia, biologia, antropologia, ma che, sull’onda della psicologia umanistica degli anni ’60, rifugge la visione meccanicistica dell’uomo che per lungo tempo ha dominato nelle scienze umane.