anziani-feliciRolando Toro sostiene che, come il giovane, anche l’anziano racchiuda in sé potenziali cosiddetti “tardivi”, che vengono espressi in un ambiente stimolante.

La stessa Rita Levi Montalcini ha scoperto che il cervello è in grado di rinnovarsi, attraverso il fattore di crescita neuronale, ma, affinché i processi di rinnovamento delle cellule nervose si attuino è necessaria un’adeguata stimolazione. La Biodanza produce un ambiente affettivamente arricchito che permette tale stimolazione in grado di rinnovare il sistema nervoso nonché l’espressione gioiosa delle sue potenzialità tardive.

Gli incontri settimanali di Biodanza per anziani che generalmente si tengono in circoli ricreativi,  centri diurni o in R.S.A sono finalizzati alla riabilitazione motoria e al miglioramento del benessere globale legato allo sviluppo della comunicazione affettiva e delle potenzialità tardive.